Chi – Respiro Cosmico

Too Long, Didn’t Read:

La consapevolezza di essere immersi in un mondo condiviso.

Il drago in Oriente, chiamato Long, è portatore di positività e saggezza, è la reincarnazione dello Yang e viene invocato nei periodi di siccità perché porti pioggia, quindi speranza.

L’artista (il laboratorio) con sguardo visionario sa, però, che lo Yang è solo una parte del tutto. Infatti, lavorando al drago è emersa anche la parte in ombra, lo Yin, che ha portato in evidenza i segni della crisi globale, cadenzata dalle perdita di migliaia di vite umane, dalle vicende di coloro che, tentando tenacemente di sopravvivere, lasciano il loro Paese: i migranti.

Divenendo portavoce del flusso della Rete attraverso l’#migranti (in tutte le lingue), la scultura relazionale interattiva traduce bit in atomi: il respiro del drago, formalizzato attraverso la luminosità dei led interni, cambierà di intensità ad ogni condivisione dell’#migranti, creando un flusso antropologico relazionale.

Il laboratorio diventa, così, catalizzatore energico che intercetta le tensioni, le disarmonie, le crisi, le quali, piegate per ripristinare armonici equilibri (Yin e Yang), vengono trasformate in pretesti per conseguire alternative soluzioni estetiche. Il drago, quindi, simbolo e ricettore di significati molteplici, veicola le energie e i flussi, è il – Ch’iRespiro cosmico, la consapevolezza di essere immersi in un mondo condiviso.

Maker Faire – Fantaexpò

Guarda Altro: